UN COMITATO CIVICO PER LA CONURBAZIONE SULLO STRETTO

ECOLANDIA (Arghillà - Reggio Caslabria Catona) - Domenica 26 novembre 2017 ore 11

Enzo Cuzzola

Tonino Perna

Enzo Vitale

Mario Meliadò

 

http://ildispaccio.it/primo-piano/163387-nasce-un-comitato-per-creare-la-citta-metropolitana-dello-stretto

 

Mario Meliadò - Lo Stretto di Messina? Può essere il ricettacolo di un nuovo Ente; e neanche tanto piccolo.

Adesso c'è chi vuole crearlo veramente.

Era il 3 aprile del 2014, quando la Camera dei deputati votò l'approvazione definitiva della legge numero 56 sulle Città metropolitane. Tra città d'arte ben note in tutto il mondo (Venezia, Firenze) e metropoli che lo sono indiscutibilmente già solo per dimensioni e popolazione (Roma, Milano), veniva piazzata una "clandestina a bordo", la più piccina delle 14 Città metropolitane (dieci in Regioni a Statuto ordinario, quattro in Regioni a Statuto speciale): Reggio Calabria.

Negli atti parlamentari ci sono sterminati riferimenti d'ogni colore politico sul come e il perché fosse possibile definire per legge metropolitana una città che nel suo capoluogo di provincia conta "appena" 180mila abitanti: l'orizzonte non poteva e non può che essere l'unificazione istituzionale del territorio provinciale reggino con la dirimpettaia Messina (che già il 10 agosto del '95 aveva visto elevare a Città metropolitana buona parte del proprio territorio provinciale da parte della Regione Sicilia).

Come spesso accade in contingenze simili, sono già passati tre anni e mezzo e neanche il più impercettibile movimento in direzione di un'unificazione reale e formalizzata è stato compiuto, se togliamo alcuni protocolli in materia di trasporti propedeutici a una vera continuità territoriale.

Adesso, questo passo c'è qualcuno che s'è messo in testa di compierlo per davvero: è nato così, e ha già avuto la sua prima riunione nel magnifico scenario di Ecolandia, il Comitato per la Città metropolitana dello Stretto. Un organismo che si chiama così soprattutto perché ogni percorso va pur iniziato da qualche parte...

In realtà, però, non è affatto scontato che l'orizzonte perseguito in termini tecnici vada definito Città metropolitana dello Stretto.

Intanto perché potrebbe essere l'Area metropolitana dello Stretto (come già si pensava anni fa, col risultato che non si avrebbe in questo caso una reale fusione di due Città metropolitane preesistenti in un'unica Città metropolitana, bensì la creazione di un sovraorganismo che tuttavia in atto non è previsto dalla legge). E poi perché l'obiettivo di un abbraccio funzionale permanente tra le due sponde dello Stretto potrebbe essere perseguito in modo del tutto diverso, sofisticato epperò già previsto dalla Carta fondamentale.

Ma si potrebbe anche creare una Regione nuova di zecca, secondo quanto previsto dall'articolo 132 della Costituzione, che prevede si possa «con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d'abitanti» (un'ipotetica Regione dello Stretto, sommando i 635mila residenti del Messinese e i 553mila del Reggino, conterebbe quasi un milione e 200mila abitanti: cioè più dei 126mila della Valle d'Aosta, i 310mila del Molise e i 570mila della Basilicata messi insieme...). Unica condizione per procedere: dovrebbero farne richiesta «tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate», cioè almeno 400mila tra reggini e messinesi, e la proposta dovrebbe essere «approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse».

In subordine, un risultato affine si potrebbe provare a cogliere mettendo in pratica il secondo comma dello stesso articolo della Costituzione, ossia procedendo per annessione di un intero territorio provinciale alla Regione limitrofa (e naturalmente qui saremmo di fronte a un caso mai verificatosi in precedenza: una porzione d'isola che si ricongiunge amministrativamente a un pezzo di terraferma o, al contrario, un pezzo di "Stivale" che si trasforma in "isolano"). Ci sarebbe anche la possibilità che questa procedura venisse seguita non per interi territori provinciali, ma per pluralità di Comuni; però la disarticolazione di territori oggi finalmente omogenei, grazie alla normativa che non prevede Comuni "dissenzienti" rispetto alla trasformazione in Città metropolitana dell'intero territorio dell'ex Provincia di riferimento, inevitabilmente creerebbe confusione e indesiderabili sovrapposizioni.

Anche in considerazione del periodo storico (basti guardare al referendum consultivo sull'autonomia fiscale svoltosi il 22 ottobre scorso in Veneto e Lombardia, assai più che al referendum catalano), il tentativo di fondere finalmente Reggio e Messina insieme ai rispettivi comprensori non potrebbe che passare da una raccolta di firme e da una consultazione popolare.

Indispensabile, insomma, riscontrare una vasta volontà di popolo e mobilitare centinaia di migliaia di persone: l'impresa non appare delle più semplici.

In più, per il Comitato nascente sarebbe un'ingenuità sottovalutare le mille insidie che si stagliano di fronte a un'idea che va molto oltre l'antico dibattito "Ponte sì – Ponte no": ostacoli di natura politica, com'è facile immaginare rispetto all'eventuale smembramento di corpi complessi e già formati come la Regione Calabria e la Regione Sicilia, ma pure quanto alla futura governance di una Città metropolitana unica (dove avrebbe sede?, tanto per citare il solito incubo campanilistico che senz'altro si materializzerebbe); inghippi di natura tecnica, ad esempio rispetto all'omogeneizzazione di realtà territoriali l'una facente capo a una Regione a Statuto speciale e l'altra a una Regione a Statuto ordinario; lacci e lacciuoli economici, visto che in tempi di spending review, al di là delle oggettive affinità sociali e prossimità territoriali, l'ipotesi di creare nuovi Enti anziché abrogare quelli "indistruttibili" che magari dovevano essere un mero ricordo da anni (ricordate le Province?) è percepita come un sacrilegio.

Sia come sia, quella che finora è rimasta solo un'utopia di cui discutere al bar adesso ha un primo interlocutore intenzionato a trasformarla in territorio unico e palpitante.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Tipi di cookie utilizzati da FondazioneMediterranea.eu

Utilizziamo diversi tipi di cookie per gestire la navigazione e l'usabilità del sito. Nel tuo browser potrebbero essere memorizzati alcuni o tutti i cookie elencati qui di seguito. Puoi visualizzare e gestire i cookie nel tuo browser (anche se è possibile che i browser per dispositivi mobili non offrano questa visibilità).
Categoria di utilizzo Esempio
Preferenze Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.
Sicurezza Utilizziamo i cookie di sicurezza per autenticare gli utenti, prevenire l'uso fraudolento delle credenziali di accesso e proteggere i dati degli utenti da soggetti non autorizzati.Ad esempio, utilizziamo cookie chiamati "SID" e "HSID" contenenti record con firma digitale e crittografati per l'ID dell'account di un utente e per la sua data di accesso più recente. La combinazione di questi due cookie ci permette di bloccare molti tipi di attacchi, ad esempio i tentativi di rubare i contenuti dei moduli che completi sulle pagine web.
Processi I cookie dei processi contribuiscono al funzionamento dei siti web e all'offerta dei servizi che i visitatori si aspettano di trovarvi, ad esempio la possibilità di navigare tra le pagine o di accedere ad aree protette del sito. Senza questi cookie, il sito non può funzionare correttamente.
Pubblicità Utilizziamo i cookie per rendere la pubblicità più coinvolgente per gli utenti e più utile per publisher e inserzionisti. Alcuni impieghi comuni dei cookie includono la selezione della pubblicità in base a ciò che è pertinente per un utente, il miglioramento dei rapporti sul rendimento delle campagne e la possibilità di evitare la visualizzazione di annunci che l'utente ha già visto.
Stato della sessione I siti web spesso raccolgono informazioni sul modo in cui gli utenti interagiscono con essi. Ciò può includere le pagine visitate più spesso dagli utenti e l'eventualità che gli utenti ricevano messaggi di errore da determinate pagine. Utilizziamo questi "cookie relativi allo stato della sessione" per migliorare i nostri servizi e l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Il blocco o l'eliminazione di questi cookie non renderà inutilizzabile il sito web.Questi cookie potrebbero essere utilizzati anche per misurare l'efficacia della pubblicità PPC (Pay Per Click) e della pubblicità affiliata.
Analytics Google Analytics è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.Oltre a generare rapporti sulle statistiche di utilizzo dei siti web, il tag pixel di Google Analytics può essere utilizzato, insieme ad alcuni cookie per la pubblicità descritti sopra, per consentirci di mostrare risultati più pertinenti nelle proprietà di Google (come la Ricerca Google) e in tutto il Web.Leggi ulteriori informazioni su cookie di Analytics e privacy.

COME DISATTIVARE I COOKIE SUL TUO BROWSER

Di seguito i link dei principali browser con le istruzioni per la disattivazione dei cookie: