NO AI TIR DA E PER LA SICILIA AL PORTO DI REGGIO

 

UN DECISO NO ALL'IPOTESI DI SPASTARE IL TREFFICO TIR DA E PER LA SICILIA DA VILLA A REGGIO: L'UNICA STRADA PERCORRIBILE E' QUELLA DI BOLAN

 

CONFERENZA STAMPA DEL 17 DICEMBRE 2016

 

Oltre 50 morti di tumore l'anno, livelli eccezionalmente alti di benzene e altri idro- carburi cancerogeni, una terra paralizzata dal traffico e dallo smog, questo è il ritratto di Villa San Giovanni, città di circa 14.000 abitanti, in piena emergenza ambientale e sanitaria., I rilevamenti effettuati negli anni, certificati da studi condotti dagli uffici  comunali con l’ausilio dell’Università, hanno registrato percentuali di sostanze inquinanti di gran lunga superiori a quelle stabilite della legge.

In tale scenario, a dir poco sconcertante, la soluzione non Istituzionaleè stata proposta dalle società Caronte & Tourist S.p.A. - Diano S.p.A. che, mosse da una loro legittima strategia aziendale, finalizzata al contenimento dei costi ed allo sviluppo della propria attività d’impresa, sostenuta da lobby e poteri forti, intendono realizzare un nuovo molo, trasferendo i flussi di traffico di camion, tir ed autoarticolati dall’approdo attuale nel Comune di Villa San Giovanni all’approdo nel Porto di Reggio Calabria Pentimele.

Oggi, si è giunti alle battute finali della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), prevista dalla normativa di riferimento e sembra che l’esito, con buona pace di tutti, sarà positivo.

In particolare, si segnala l’Amministrazione Comunale che, aldilà di qualche sporadico comunicato lanciato sulla stampa e delle relazioni negative espresse dai tecnici comunali in occasione proprio delle osservazioni da porre in relazione alla suddetta procedura, non ha inteso opporsi con forza a tale progetto catastrofico per la città.

A questo punto, lo sdegno dei cittadini, reali portatori di interessi, induce ad una adeguata reazione dal basso.

Preoccupati per l’assenza di azioni atte a prevenire i danni prima ancora che si verifichino, nell’ottica della tutela del diritto alla salute e al benessere della collettività, gruppi di cittadini sempre più numerosi, dicono NO!

Noi, componenti di questo tavolo:

(in ordine alfabetico) ACCADEMIA KRONOS rappresentata da Alessandra Gioffrè d’Ambra, AZIONE NAZIONALE rappresentata da Alessandra Bordini, CIRCOLO VELICO con Carlo Colella, CKC CANOA KAYAK CLUB RC, CONFCOMMERCIO REGGIO CALABRIA CITTA’ METROPOLITANA,  FEDERAZIONE DEI VERDI REGGIO CALABRIA, FEDERAZIONE ITALIANA VELA CALABRIA E BASILICATA, FONDAZIONE MEDITERRANEA rappresentata da Vincenzo Vitale, LA LEGA NAVALE ITALIANA SEZ. DI REGGIO CALABRIA con Sandro Dattilo,  LIDO STELLA MARINA con Pietro Caponera,

siamo assolutamente contrari a qualsiasi scenario che ipotizzi lo spostamento del traffico di tir sul Porto di Reggio Calabria, per le evidenti criticità che si creerebbero sulla rete dei trasporti, per l’assorbimento dei flussi di traffico in un’area densamente abitata e a ridosso del centro storico urbano, come la storia di Villa insegna. E’ evidente che il trasferimento dell’attraversamento da Villa San Giovanni a Reggio, comporterebbe un incremento giornaliero dei volumi di traffico di migliaia di veicoli sul tratto Campo Calabro – Reggio Porto/Pentimele e siamo certi che l’ulteriore carico potrebbe comportare la saturazione ed il collasso del deflusso sull’arteria.

Impattare sul traffico dell’arteria autostradale e sul tratto di collegamento alla SS 106 in attraversamento da e per la superstrada jonica, comporterebbe un riversamento sulla viabilità locale, e quindi sul traffico locale e di quartiere. Riteniamo che un significativo impatto negativo interesserebbe poi gli edifici ricadenti nei quartieri Santa Caterina, e Pentimele. Ciò determinerebbe un esponenziale incremento dell’inquinamento acustico, considerato che allo stato attuale del traffico, l’arteria di collegamento dello svincolo “Porto” fino al lungomare di Reggio Calabria è stata già interessata da interventi di mitigazione per la realizzazione di barriere fonoassorbenti, con raccomandazioni alla limitazione del traffico veicolare pesante.

Andando oltre, anche la prossimità dello scalo alla rampa autostradale è indubbio che comporterebbe un rigurgito di code di veicoli sulle arterie stradali, non essendo stato previsto nel progetto, di che trattasi, alcun polmone di stoccaggio per i veicoli in imbarco o sbarco. L’interferenza tra la viabilità di quartiere e il deflusso per l’accesso alla rampa autostradale sarebbe più che scontata, comportando accumuli di code sulla viabilità.

Si intende rimarcare la necessità di individuare soluzioni alternative che, per comodità, sono state scartate dalle società di navigazione.

Nel territorio in esame l’alternativa è realizzare un approdo in località Bolano, a nord di Catona. Quel sito ha le caratteristiche ideali per divenire approdo per i traghetti di collegamento con la Sicilia. Esso infatti è: 1) lontano da centri abitati, 2) pianeggiante, 3) consente di ridurre nella stessa identica quantità il percorso delle navi con Tremestieri (240 metri in più rispetto Reggio), 4) fa risparmiare tempo e strada ai TIR che possono immettersi in una strada a loro dedicata dallo svincolo a raso di Campo Calabro. Tale scelta consentirebbe di: a) eliminare le pressioni ambientali di cui è stata vittima Villa S.G., senza trasferirle ad altri centri densamente abitati (Catona non sarebbe interessata), b) accorciare nella stessa misura le rotte dei traghetti, c) non nuocerebbe allo sviluppo turistico del porto di Reggio, d) eliminerebbe le lunghe file autostradali in caso di mancato funzionamento delle navi.

Qualcuno si chiederà se è sostenibile economicamente la scelta dell’approdo a Bolano e la risposta è, senza ombra di dubbio, positiva. È positiva perché non mieterà più vittime a causa dell’inquinamento generato dal traffico dei TIR (come gli studi epidemiologici hanno provato) ed è positiva perché il costo dell’intervento si stima essere circa un quarto di quello sostenuto per Tremestieri. Quindi, se la Regione Sicilia ha potuto sostenere una spesa di circa 60 milioni di euro, certamente il Governo Nazionale potrà spenderne i 15 necessari per questa soluzione.  La popolazione non potrà certo accettare scorciatoie che favorirebbero solo ed esclusivamente il privato a spese del pubblico.

Come non evidenziare che la naturale vocazione del porto di Reggio e quella dell'intero litorale cittadino è certamente turistica!

La visione di una città e del suo comprensorio in grado di attrarre flussi in un progetto di incremento turistico non più rimandabile, non può non fare i conti con le infrastrutture ed in particolare con un porto che deve venire inquadrato in un'ottica decisamente diversa da quella che si sta prospettando. Solo una seria programmazione della Città Metropolitana, che tenga conto delle potenzialità derivanti dalle ricadute dell'attività diportistica, potrà consentire di assegnare alla nostra Reggio il ruolo – che si merita e le spetta - di centro turistico, marittimo e culturale, baricentrico nel mediterraneo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Tipi di cookie utilizzati da FondazioneMediterranea.eu

Utilizziamo diversi tipi di cookie per gestire la navigazione e l'usabilità del sito. Nel tuo browser potrebbero essere memorizzati alcuni o tutti i cookie elencati qui di seguito. Puoi visualizzare e gestire i cookie nel tuo browser (anche se è possibile che i browser per dispositivi mobili non offrano questa visibilità).
Categoria di utilizzo Esempio
Preferenze Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.
Sicurezza Utilizziamo i cookie di sicurezza per autenticare gli utenti, prevenire l'uso fraudolento delle credenziali di accesso e proteggere i dati degli utenti da soggetti non autorizzati.Ad esempio, utilizziamo cookie chiamati "SID" e "HSID" contenenti record con firma digitale e crittografati per l'ID dell'account di un utente e per la sua data di accesso più recente. La combinazione di questi due cookie ci permette di bloccare molti tipi di attacchi, ad esempio i tentativi di rubare i contenuti dei moduli che completi sulle pagine web.
Processi I cookie dei processi contribuiscono al funzionamento dei siti web e all'offerta dei servizi che i visitatori si aspettano di trovarvi, ad esempio la possibilità di navigare tra le pagine o di accedere ad aree protette del sito. Senza questi cookie, il sito non può funzionare correttamente.
Pubblicità Utilizziamo i cookie per rendere la pubblicità più coinvolgente per gli utenti e più utile per publisher e inserzionisti. Alcuni impieghi comuni dei cookie includono la selezione della pubblicità in base a ciò che è pertinente per un utente, il miglioramento dei rapporti sul rendimento delle campagne e la possibilità di evitare la visualizzazione di annunci che l'utente ha già visto.
Stato della sessione I siti web spesso raccolgono informazioni sul modo in cui gli utenti interagiscono con essi. Ciò può includere le pagine visitate più spesso dagli utenti e l'eventualità che gli utenti ricevano messaggi di errore da determinate pagine. Utilizziamo questi "cookie relativi allo stato della sessione" per migliorare i nostri servizi e l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Il blocco o l'eliminazione di questi cookie non renderà inutilizzabile il sito web.Questi cookie potrebbero essere utilizzati anche per misurare l'efficacia della pubblicità PPC (Pay Per Click) e della pubblicità affiliata.
Analytics Google Analytics è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.Oltre a generare rapporti sulle statistiche di utilizzo dei siti web, il tag pixel di Google Analytics può essere utilizzato, insieme ad alcuni cookie per la pubblicità descritti sopra, per consentirci di mostrare risultati più pertinenti nelle proprietà di Google (come la Ricerca Google) e in tutto il Web.Leggi ulteriori informazioni su cookie di Analytics e privacy.

COME DISATTIVARE I COOKIE SUL TUO BROWSER

Di seguito i link dei principali browser con le istruzioni per la disattivazione dei cookie: